Competizioni Internazionali

HEROES

I RAGAZZI DELL’ AKIYAMA FANNO LA STORIA

Comunque andrà a finire sarà un anno che difficilmente verrà dimenticato.

Un inizio difficile, con tutti che si attendevano la rovina e invece, a testa alta via verso il successo, l’ennesimo, ancora dopo dieci anni.

Era marzo e a Castellanza, ai campionati italiani Junior “ciccio” Mauro Troisi suona la carica ai ragazzi Akiyama che proseguivano con i titoli di Diana Ballabio e Jennifer Pitzanti.

Poi l’ assoluto di Genova senza titoli ma con la risposta di tutta una squadra e 11 atleti  a lottare per la medaglia.

Arrivano i cadetti di Ostia e sei titoli d’Italia con altrettante convocazioni agli Europei dove giungevano le medaglie “pesanti” di Regis, campionessa Europea, Carollo argento e Belverato quinto. Ancora cadetti agli EYOF di Lignano Sabbiadoro dove Regis e Carollo ribadiscono la medaglia e Belverato ancora sfiora il colpaccio.

Europei anche per Valentina Aloisi a Rotterdam, seniores, sfortunata ma consapevole che si può fare il salto di qualità

Da Almeria è Francesca Congia a dare segni di stabilità mondiale anche se poi la storia sarà diversa, comunque è argento importantissimo .

Settembre: Jenny Pitzanti e’ l’unica medaglia azzurra agli Europei juniores di Zagabria e l’ Akiyama prende ancora più il largo e con il vento in poppa.

Qualificazioni per la finale dei campionati a squadre ad Asti e con tanta umiltà, schiacciamo i cugini e ci presentiamo agli Italiani a squadre, qui con una squadra piena di infortunati e giovani infiammiamo il palasport, battiamo la finanza e perdiamo(?) la medaglia per uno shido non tolto dal tabellone, ma non importa bisogna guardare oltre: Majnero si è ritrovato, Mantovani è sempre un leone, Favaro cresce…e poi ci pensano le donne a vendicarci .

Congia, Aloisi, Pitzanti e i prestiti sono regine e fanno grande l’Akiyama e il Piemonte.

Nemmeno il tempo di rendersi conto del risultato che è già tempo di esordienti: Carollo junior,Regis junior, Monterosso junior, Giorgis junior e Giorgia Ingravalle centrano il risultato e si laureano campioni d’Italia esordienti.

Ma anche qui il tempo corre è siamo già a Busto Arsizio ai campionati italiani a squadre cadetti: doppia, storica e incredibile vittoria degli akiyama heroes: primi nei maschi e primi nelle femmine.

Leccese,Mazza,Magliano,Belverato,Potenza,Carollo ,Burello ,Doretto ,Mezzadri, Siciliano ,Paletto,Vernillo,Regis,Pierucci,e Greta Pavese portano a tre le vittorie del sodalizio Settimese

Negli italiani a squadre (cadetti , cadette e senior femmine) e se diciamo che la quarta squadra che ha vinto (fiamme azzurre) vantava tra le sue file due ex akiyama come i mitici fratelli Bruyere possiamo affermare che negli ultimi anni il judo nazionale deve molto a Settimo Torinese.

Si possono fare tante parole, si possono fare immaginari articoli e soprattutto migliaia di “progetti” ma se alla fine non si fanno i risultati… beh allora meglio stare zitti!!!

Facile parlare,facile è promettere, più dura è fare i fatti !

L’akiyama li ha fatti , segno di una organizzazione societaria di una pianificazione e di un modo di intendere il judo tutto particolare e la cosa piu’ bella? che dal nostro gruppo è uscito quel grande campione che al Cairo si è vestito d’argento e che tutti i ragazzi dell’ Akiyama vogliono emulare .

Gloria e onore all’ akiyama e ai suoi eroi di ieri, di oggi, di domani.

Ps :non abbiamo potuto menzionare tutti(oltre quaranta ) le altre colonne dell’akiyama ma lo faremo ai loro prossimi nuovi risultati, grazie ragazzi anche e soprattutto a voi .

L’akiyama è il gruppo e non il singolo.

About the author

Akiyama Staff

Leave a Comment