Press

Successo storico con le selezioni maschile e femminile. Toniolo: “Ora siamo una realtà importante”

Akiyama Settimo, doppio centro nei campionati Cadetti a squadre

È un Novembre da ricordare, quello del judo piemontese, pluripremiato nelle scorse settimane ai societari senior di Asti e ai tricolori Esordienti. L’Akiyama di Settimo Torinese, sotto la guida tecnica dei fratelli Toniolo, ha infatti conquistato nei campionati Cadetti a squadre di Busto Arsizio una duplice vittoria in campo maschile e femminile, risultato mai raggiunto da nessuna società nella storia della manifestazione. “Alla fine commenta Pierangelo Toniolo Ë questa la vera soddisfazione: accogliere in palestra dei bambini e crescerli, farli diventare atleti praticamente sotto casa. Oggi Settimo Torinese è un pezzo importante del judo italiano” . Di fronte ai risultati risulta difficile muovere delle obiezioni: l’Akiyama è per punteggi complessivi la prima società d’Italia per il decimo anno consecutivo. A Busto la festa in famiglia è stata aperta dalle ragazze, capitanate dalla campionessa europea Under 17 ( 57 kg) Alessia Regis. Insieme a lei, Chiara Vernillo, Martina Pierucci, Alessia Paletto e Greta Pavese, in prestito dall’Alessandria. Dopo due turni eliminatori senza troppi problemi, le piemontesi hanno trovato pane per i loro denti in finale, contro le friulane del Shimai Dojo Fagagna, superate per 2-1. Sempre friulano, ma affrontato in primo turno, l’ostacolo più duro per i maschi, concretizzatosi nel Yama Arashi di Udine, battuto 4 1. A seguire un filotto di quattro vittorie piuttosto nette, compresa la finale in cui i settimesi hanno dominato la società laziale dell’Anguillara. Tra le vittime dell’Akiyama maschile, al terzo turno, ci sono stati anche i cugini del Ginnastico Torino, l’altra società piemontese in gara che ha chiuso con un dignitoso settimo posto. Nello scorso week end si segnala anche la vittoria del Kimoshi Alpignano nel Trofeo Italia, manifestazione a tappe di cui si è disputato a Pomigliano d’Arco l’atto conclusivo.

La stampa

About the author

Akiyama Staff

Leave a Comment