Settimo, assalto al trono

Fonte: Tuttosport (5/11/2005) di Lorenzo Monticone

Scattano oggi al Palasanquirico di Asti i campionati italiani a squadre. L’Akiyama punta sui fratelli Bruyere e sulle ragazze CongiaAloisi e Pitzanti.

Il tecnico Toniolo: «Da anni siamo la prima società d’Italia come punteggi complessivi». Cristina Cirillo, organizzatrice: «Show godibile anche dai non addetti ai lavori».

STORIA vecchia, quella degli sport cosiddetti minori. Quelli che si tirano fuori dalla naftalina una volta ogni quattro anni, sperando che alle Olimpiadi conquistino le medaglie che gli sport “ maggiori” non riescono a portrare alla causa azzurra. Il judo, almeno dall’oro di Ezio Gamba a Mosca ‘ 80, è entrato di diritto nel novero di queste discipline prêt á porter, contribuendo al medagliere italiano in maniera tutt’altro che trascurabile, ultimi casi l’oro di Pino Maddaloni a Sydney e il bronzo di Lucia Morico ad Atene. Inattesa di Pechino 2008, appassionati e curiosi potranno, volendo, spezzare il circolo vizioso del quadriennio olimpico con i campionati italiani a squadre che scattano oggi pomeriggio al Palasanquirico di Asti. Sul tatami il meglio del movimento nazionale, dal citato Maddaloni fino a Francesco Bruyere, atleta carmagnolese argento ai Mondiali di settembre nella categoria dei 73 kg. « E’ una manifestazione di grande spettacolarità spiega Cristina Cirillo, anima dell’organizzazione astigiana, sei titoli italiani alle spalle perchè oltre ai nomi di richiamo la formula a squadre permette l’avvicinamento di un pubblico non necessariamente di addetti ai lavori » . In gara ci saranno cinque atleti per società, uno per orgni categoria di peso. La squadra che vince più incontri singoli passa il turno. Il Piemonte sarà rappresentato dall’Akiyama Settimo e dal Centro Ginnastico Torino. Complessivamente, una partecipazione di alta qualità: «L’Akiyama spiega Pierangelo Toniolo, tecnico della squadra settimese è da anni la prima società d’Italia per punteggi complessivi. Alcuni dei nostri migliori atleti hanno preso con il tempo la strada dei gruppi militari, tra questi proprio i fratelli Bruyere ( il citato Francesco e Alessandro, oro agli ultimi mondiali militari ndr), Roberta Piano e Fabrizio Chimento, tutti in gara ad Asti con le diverse armi, ma arriviamo ai societari con buone ambizioni, specialmente in campo femminile dove puntiamo al podio » . Le ragazze gareggeranno domenica mattina, l’Akiyama schiererà Francesca Congia ( 52 kg), Valentina Aloisi ( 57), Jennifer Pitzanti ( 63) e la tedesca Katrin Beinroth ( 70), mentre sono in ballottaggio nella categoria
70 kg le giovani Cinzia Bonfante e Serena Ferrero. Non nasconde velleità di alta classifica anche il Centro Ginnastico, sul tatamicon cinque agguerrite giovanissime: Valentina Moscatt ( 52 kg), Rosalba Forciniti ( 57), Sharon Dinasta ( 63), Edith Trivellini ( 70) e Marika Franchini ( 70, in prestito dal Ginnic Valenza). Le avversarie più accreditate sono Fiamme Gialle, Esercito ( con la Piano) e Montecarlo Frascati. In campo maschile parteciperà solo l’Akiyamacho dovrà vedersela con gli squadroni militari, in primis le Fiamme Azzurre dei due Bruyere, seguite a ruota da Carabinieri ( con Chimento), Fiamme Oro e Fiamme Gialle. I settimesiproveranno comunque a trovare un posto tra le prime cinque schierando Danilo Mantovani ( 66 kg), Paolo Majnero ( 73), Marco Favaro ( 81), Matteo Varotti ( 90) e Mauro Troisi ( 90).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *