Piras, laurea di bronzo alle Universiadi!

piras universiadi 2015
Matteo Piras durante la premiazione

La XVIII edizione dell’ Olimpiade universitaria si è tenuta in sud corea nella cittadina dal nome pronunciabile per pochi, Gwangju.
Alla nazionale Italiana mancavano medaglie in tale occasione dal lontano 2007 quando Alessandro Bruyere nei 66kg e Erica Barbieri nei 70kg conquistarono la medaglia di bronzo, a terminare questo digiuno ci era andato vicino la scorsa edizione il nostro Andrea Regis con un buon 5 posto, ma ci ha pensato Matteo Piras a far tornare una medaglia di livello in terra azzurra. Matteo al primo incontro si infortunia la mano e deve cedere al russo, ma grazie ai fisioterapisti del CUSI non spreca l’occasione del ripescaggio e porta a casa a suo di ippon, 4 incontri gestiti con la giusta carica e determinazione miste a tattica, tecnica e perché no, anche un po di rabbia!

Sentimenti rilasciati ed espressi con l’urlo liberatorio dopo la vittoria nella finale del terzo posto.

Matteo arriva alle universiadi grazie al suo titolo ai CNU e alla medaglia di bronzo all’ European Open di Sofia, senza dimenticarsi dei podi nei campionati Nazionali!

Con Matteo sono stati compagni di questa avventura: Nicholas Mungai, Valentina Giorgis e Alessia Regis.

Nicholas, torna a casa con un solo incontro vinto, se pensiamo che prima di intraprendere la carriera universitaria poteva malapena sognarsela un esperienza simile, e ora con un Diploma di Laurea in tasca e qualche titolo Italiano in più al collo e partecipazioni come questa, non c’è da lamentarsi. Da lassù qualcuno sicuramente non può che esserne fiera, come tutti noi!

Valentina, vince due incontri e viene, poi fermata dalla croata Bekic e dalla cinese nei recuperi, possiamo dire che il cambio di categoria è ormai rodato, e ora avanti al lavoro, come sempre!

Alessia Regis, ora in forza ai Carabinieri, si arresta al primo turno, l’ Akiyama continua a fare il tifo per te! Sempre!

 

universiadi 2015
Valentina Giorgis – Nicholas Mungai – Alessia Regis – Matteo Piras

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *