Agonisti

Italiani a Squadre, secondi con le ragazze quinti i maschi

Al palasport di San Giustino(PG) si sono svolti i campionati nazionali a squadre 2006 organizzati dalle Fiamme Azzurre Perugia e dalla Ginnastica Tifernate.

L’akiyama si presentava con il quinto posto dei maschi ad Asti 2005 e con la vittoria femminile ottenuta sempre nella rassegna del 2005 .

Nel giro di un anno però tutto l’organico della squadra è stato rinnovato vista la dipartita ,concordata ,di molti verso il C.S.Esercito e la nuova struttura era formata da nuovi giovani agguerriti dove solo Marco Favaro per i maschi e Jenny Pitzanty per le femmine ,tra l’altro giovanissima perché ancora al secondo anno junior, avevano già esordito in questo tipo di gara .

Malgrado però la giovane età di tutti i protagonisti il risultato è stato ottimo senza dubbio ,e bisogna registrare più di qualche spintone arbitrale che ha aiutato qualche squadra  avversaria a salire sul podio…

Nei maschi la squadra era formata da Fabio Majnero ed Enrico Grigoletto,oro e argento agli Italiani juniores 2006,Gianni Carollo,terzo agli assoluti 2006,Marco Favaro,oro in coppa Italia 2005,Giulio Mezzadri ed a due prestiti di valore internazione Henk Grol,bronzo mondiale juniores, e Benjameen vanLeeuwarde,esperto 100 kg olandese.Da notare purtroppo l’assenza di quattro  pezzi da novanta comeCarnebianca,Giorgis ,Varotti e  Troisi,tutti in infermeria per infortunio,che avrebbero permesso più” giochi tattici” e maggiori cambi negli incontri decisivi..

A livello femminile oltre alla già citata Pitzanti, formavano la compagine del team le giovanissime DianaBallabio, al rientro dopo un anno di assenza, Alessia Regis, oro juniores 2006, Cinzia Bonfante, bronzo juniores 2005, e i rinforzi Claudia Ahrens,7° ai mondiali di Santo Domingo,e l’esperta Katrin Beinroth.

I maschi hanno bissato il risultato dello scorso anno ,anche se ,e non è una scusa ,gli arbitraggi sono stati i veri impedimenti e ci hanno privato della meritata medaglia contro La Polizia di Stato ma…abbiamo perso una battaglia e non la guerra!!

Con il nostro “esercito” di talenti cancelleremo ogni sopruso e ogni torto è solo questione di tempo…

Certo che c’è chi gioca sporco e cerca in ogni mezzo di portare via i nostri ragazzi da casa con la scusa di qualche euro in più o di chissà quale miglioramento tecnico, o ancor peggio con belle parole: BALLE!!! Cercano di divederci come già fatto due anni fa, più siamo divisi meno siamo forti. Più siamo uniti più facciamo paura. Il messaggio è chiaro !

Oggi non si vogliono vedere le sanzioni negli incontri medaglia…chiediamoci perché?? Ma vinceremo anche questo alloro… è solo questione di tempo.

Per la cronaca da registrare la vittoria per 3-1 sul Kuroki Tarcento e di 4-1 sul Cisaf Como ,la sconfitta nei quarti, la squadra è giovane, su una volitiva libertas Firenze (ma avessimo avuto Troisi) per 3-2

La prima vittoria nei recuperi contro il Monterotondo di Roma era secca 4-1 mentre la seconda avveniva ai danni dell’olimpic Torre del Greco, infarcito di ex star Napoli , con il punteggio di 4-0 .

Era la volta della polizia per la medaglia di bronzo .

Sicuro la nostra squadra non era il massimo ma è verò che quando abbiamo avuto una chanches per vincere gli arbitri non sono stati  proprio imparziali …la stessa storia di Prato 2004, ed  Asti 2005 e molti molti arbitri erano gli stessi!!!!

Quinti ! ma a testa alta senza spintarelle…

Nelle donne la musica era diversa.

A parte le miltari le altre squadre erano praticamente inesistenti. Non c’è più Frascati (cavazzuti–macri), yama arashi, dojo equipe….in effetti molte hanno smesso e le altre sono entrate nei militari.

Quindi sorteggo agevole con vittorie tranquille fino alla finale dove ci si trovava davanti la la squadra della Finanza che per l’occasione scalava tutte di un peso.

Ballabio e Regis nulla potevano contro Magnolfi e Cuomo ,poi due pari con Ahrens e Pitzanti opposte a Quintavalle e Scapin,e infine male l’oltre Beinroth che si spegneva su Morico.

Va bene così: esperienza, ma a giugno si torna di nuovo sul tatami per questa emozionante gara e promesso la musica sarà diversa!

About the author

Akiyama Staff

Leave a Comment